NAVIGAZIONE

 HOME
 NEWS
 ARCHIVIO NEWS
 ARCHIVIO TRASMISSIONI

 CERCA NELLE NEWS

E’ di Carpi un derby bollente, ma Correggio sorride e pensa alla festa di sabato prossimo.
Cec Carpi: Di Primio, Possega ne, Busato 9, De Marco 8, Lirutti, Trentin (L), Spiga 5, Piccinini 4, Zaghi 1, Pedron 5, Hendriks 1, Guerrieri 11. All. Molinari

C.S.C. Correggio: Lancellotti 7, Romani 10, Astolfi 3, Panini, Sangiorgio 2, Cassandra 9, Bassoli 7, Raimondi 5, Donadio (L), Vaccari ne, Ligabue, Gandolfi. All. Razzini

Arbitri: Montironi e Zaia

Durata: 25’, 33’, 34’. Tot. 1h32’

Note Carpi: ace 10, service error 10, muri 9, ricezione 68%, attacco 44%.

Note Correggio: ace 3, service error 19, muri 4, ricezione 65%, attacco 47%.

E’ successo di tutto, come da tradizione di un derby che non può essere come qualsiasi altra partita.

Cartellini gialli, addirittura il rosso a capitan Max Astolfi, e la C.S.C. Correggio già vincitrice del campionato che cede 3-0 nel derby di Carpi, al cospetto di una Cec bisognosa di 3 punti per ottenere la miglior posizione nella griglia play-off.

Obiettivo raggiunto per gli uomini di coach Luciano Molinari, anche se quel finale di gara non è piaciuto a nessuno, tra palloni che non toccano il soffitto ma che la coppia arbitrale assegna in favore dei padroni di casa, facendo infuriare una squadra, la C.S.C., che nulla più aveva da chiedere a questo campionato.

Il derby è pur sempre il derby e perderlo non è mai piacevole, per questo Correggio ci ha provato sino in fondo a regalare al pubblico del Pala Ferrari una partita che rimanesse scolpita nella storia come i tre derby dello scorso anno e la gara d’andata.

Questa volta non è stato così, anche per merito di una Carpi gagliarda e capace di fare malissimo con il suo servizio (10 ace e 10 errori a dispetto dei 3 ace e 19 errori dei rossoblu), la vera chiave di una gara comunque in equilibrio, eccezion fatta per un primo set portato a casa dalla Cec con un netto 25-17.

Nel secondo si fa male Ricky Raimondi (problema alla caviglia, nulla di grave fortunatamente), ben sostituito da Giampaolo Cassandra, che firma il +2 Correggio sul 19-21. E’ qui che arriva uno dei momenti decisivi del match, perché la C.S.C. non riesce a sfruttare due set-ball sul 22-24, venendo raggiunta e poi trafitta dallo strepitoso servizio di Guerrieri, che chiude con 2 aces per il 26-24.

Sul 2-0 Correggio non molla, anzi domina sino all’11-17 un terzo set che diventa bollente nel finale: Guerrieri spara al servizio sul -2 Carpi, la palla non tocca il soffitto ma secondo il primo arbitro Montironi sì.

Capitan Astolfi esplode nella protesta, arrivano cartellini gialli come piovesse, con il capitano che si becca giallo e poi rosso (che significa espulsione sino al termine del set in corso). Il risultato viene ribaltato sul 23-22 Carpi, ma “Cyborg-Max” viene nuovamente punito dalla panchina con la “squalifica”, ovvero il cartellino giallo e rosso sventolati contemporaneamente. Ciò significa giocatore out sino a fine gara e, a questo punto, squalifica per una o più giornate, essendo tra l’altro il capitano già diffidato per il giallo comminatogli ad Asti.

E’ questa, in fin dei conti, l’unica nota davvero negativa di una serata cominciata nel ricordo del prof Gianfranco Astolfi, con la premiazione del presidente dell’Universal Carpi, Stefano Allorini, alla famiglia del compianto tecnico della C.S.C. Correggio.

Dopo aver vissuto le due settimane più incredibili della propria storia, con la promozione in serie A2 e l’addio del prof Astolfi, la C.S.C. è pronta a salutare tutti i suoi tifosi con l’ultima partita di campionato, sabato prossimo a Fort Einaudi.

Sarà festa, meritatissima, per questi straordinari ragazzi che hanno gioito e pianto assieme nel corso di un’annata che rimarrà indimenticabile.
0 Comments
Posted on 30 Apr 2012 by Fabio Poncemi
Name:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 

| Forget Me

STUDIO VOLLEY NEWS

14767