NAVIGAZIONE

 HOME
 NEWS
 ARCHIVIO NEWS
 ARCHIVIO TRASMISSIONI

 CERCA NELLE NEWS

Materdominio, riecco la A1!
Un attimo dopo l'errore di Del Vecchio che ha sancito la vittoria della Bcc Nep su Molfetta, il Pala Grotte Ŕ un catino ribollente di folla e di champagne che immerge giocatori, tecnici e dirigenti giallobl¨ sino alla gola, strozzando persino l'impianto di amplificazione e non solo quello. I duemila accorsi per gara 3 non sono rimasti delusi dallo spettacolo dentro e fuori dal campo festeggiano al termine come un sol uomo una annata storica per la pallavolo castellanese autrice di un "double" (Coppa Italia e promozione) che la dice tutta sul ruolo da grande protagonista che la Mater ha ricoperto in questa stagione.


Quella A1 agognata dal popolo giallobl¨, sfiorata e poi perduta ed infine ritrovata in una serata magica al termine di una stagione asfissiante, ma non per questa meno esaltante. E' la vittoria della New Mater dunque che anche a costo di decisioni difficili ha saputo condurre in porto il risultato voluto alla vigilia; Ŕ la vittoria di Di Pinto, sergente di ferro, alla sua terza promozione pugliese; Ŕ la vittoria di una squadra capace di soffrire, controbattere, vivere le tensioni ambientali e farne il loro punto di forza; e' una vittoria di una cittÓ, Castellana Grotte, che nuota nella pallavolo e che ieri ha, ancora una volta, sotto i riflettori delle telecamere di Sportitalia, mostrato quanta passione ed entusiasmo, pu˛ trasmettere. Ed Ŕ anche la vittoria di una regione intera che ha celebrato come meglio non poteva una finalissima di alto livello, elevando il derby a rappresentazione unica e vera dello sport pugliese.


Sul campo la Bcc Nep ha messo sotto i cugini molfettesi allenati da Pino Lorizio sin dalle prime battute dai nove metri, con il muro (Elia e Salgado) subito protagonista a fermare il gigante Uchikov ed un avversario apparso con meno verve rispetto a gara 2. La squadra ospite punta a contenere Cazzaniga, e ci riesce anche tenendo l'opposto castellanese sotto le sue abituali medie, ma la migliore ricezione stagionale di Castellana (65% di perfette) regala a Falaschi palloni al bacio che il regista smista a dovere verso tutti i suoi attaccanti; sia sui centrali che sulle bande di Maric e Rodriguez prima e di Tavares poi, ancora positivo col 56% in attacco. Ma oltre al servizio (8 vincenti di 5 messi a terra da Cazzaniga) sono muro e difesa a fare la differenza con Elia e Salgado mostruosi (11 muri in due) e la difesa a raccattare il resto; fra i tanti flash della serata il boato del Pala Grotte per la difesa in ispirata di Ricciardello che di piede riconsente la giocata ai pugliesi.
Molfetta ci ha provato nel terzo set, bene Botti e Mattioli, partendo meglio che nei parziali precedenti, subendo la rimonta nelle fasi finali grazie ancora alla battuta di Cazzaniga, ma riuscendo comunque ad allungare la partita. Ma il destino era scritto ed il match Ŕ subito ritornato nelle mani degli uomini di Di Pinto, sino all'errore di Del Vecchio che scatena l'apoteosi giallobl¨ che ha coinvolto anche il centro cittadino castellanese invaso dalle 1000 bandiere giallobl¨ che poco prima avevano colorato d'immenso il palace castellanese per un sogno da cui non vorremmo svegliarci.

IL POST
Vincenzo Di Pinto (allenatore BCC-NEP Castellana Grotte): “Abbiamo vinto contro tutto e tutti. Ha vinto il patron Vinella, che ha creduto questa squadra e che ci ha chiesto di conquistare questa serie A1. Fin dal primo giorno in cui sono arrivato ho lavorato per questo, arrivando prima a vincere la Coppa Italia e poi superando i momenti difficili, quando in prima persona stavo male per i risultati che non arrivavano. Ma in questi momenti sono venuti fuori i veri giocatori, i veri professionisti che hanno dimostrato fino a questa sera di valere la Serie A1. E’ stato un anno complicato ma vincente, e non Ŕ mai facile vincere. Noi lo abbiamo fatto”.

Roberto Cazzaniga (BCC-NEP Castellana Grotte): “Siamo riusciti a centrare questo grande obiettivo, soffrendo contro una squadra come Molfetta, alla quale vanno i nostri complimenti, che non ha mai mollato. Quello che conta Ŕ aver vinto, e questo successo cancella tutti i problemi che ci sono stati in questa stagione, tra infortuni, acciacchi e altro ancora. Sono sceso a Castellana Grotte consapevole di dividermi nel ruolo con Milushev, un grande giocatore, ma l’ho fatto mettendomi al servizio della squadra, facendomi trovare sempre pronto quando sono stato chiamato. E’ una vittoria che dedico a questi tifosi che anche oggi non hanno fatto mancare il loro grande apporto”.


BCC-NEP CASTELLANA GROTTE - PALLAVOLO MOLFETTA 3-1 (25-17, 25-18, 23-25, 25-18)
BCC-NEP CASTELLANA GROTTE: Cazzaniga 17, Elia 10, Ricciardello (L), Falaschi 2, Rodriguez 16, Salgado 13, Maric 8, Giosa, Tavares 5, Cicola (L). Non entrati Agrusti, Castellano, Torre. All. Di Pinto. batt sb 10, ace 8, muri 13, ric pos 80%, prf 65%, attacco 46%, errori 14
PALLAVOLO MOLFETTA: Cortina (L), Uchikov 19, Del Vecchio 3, Bacci, Botti 9, Mattioli 11, La Forgia, Giglioli 8, Al Nabhan 6, Illuzzi. Non entrati Caputo, Poli, Bisci. All. Lorizio. batt sb 14, ace 2, muri 6, ric pos 62%, prf 40%, attacco 41%, errori 20.
ARBITRI: Simbari, Astengo. NOTE - Spettatori 2000, incasso 13000, durata set: 24', 28', 32', 29'; tot: 113'.


Pier Paolo Lorizio
Responsabile Ufficio Stampa
BCC-NEP Castellana Grotte
0 Comments
Posted on 27 May 2012 by Davide Draghi
Name:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 

| Forget Me

STUDIO VOLLEY NEWS

7518